UNA GIORNATA SFIGATA

testo e musica di Alberto Lalli

 

 

 

una giornata sfigata

lo si è visto da come è incominciata

            invece di partire come sai tu

            m’hai fatto disperare e cantare questo blues

                        sei rimasta lì:

                        la batteria a terra e il tram che non arriva

 

salito finalmente su quel tram

si appannano gli occhiali e il sudore a fiumi va

            in mezzo a quella folla ed i suoi odori mortali

            la nausea mi sale con i gusti di ieri - i più vari

                        no, quell’odore no!

                        conato trattenuto da uomo educato

 

            ma intanto penso alla notte con te

            che nottata esagerata

            e posso sopportar tutto ciò perchè

            io penso a te

 

quando poi l’ho incontrato

ho capito che m’aveva fregato

            i patti erano chiari - o meglio dir presunti tali

            mi sento adesso dire di avere capito un po’male

                        è proprio una giornata no!

                        adesso passo e chiudo, mi prendo una pausa e poi...

 

            questa notte sarò insieme a te

            e le sventure della giornata

            stupendamente finiranno in un’altra notte

            esagerata con te!