SALDI

testo e musica di Alberto Lalli

 

 

 

con le scarpe bucate non posso pių andare, no

devo trovare la maniera per averne un altro paio, oh

e allora vado in giro, in giro, in giro

anche se lo so che in tasca poca, poca, poca lira

e allora vado in giro, in giro, in giro

anche se lo so che in tasca poca, poca, poca lira

vedo vetrine luccicanti nei negozi

            e cartellini con altissimi prezzi

                        in giro č pieno, pieno, pieno di ragazze e di ragazzi

                        che si sbatton come pazze - che si sbatton come pazzi

                        in giro č pieno, pieno, pieno di ragazze e di ragazzi

                        che si sbatton come pazze - che si sbatton come pazzi

 

            saldi soldi saldi - spicciati che arrivi tardi!

            soldi saldi soldi - se non hai denti, lo sai che non mordi!

 

con questi prezzi da pazzi non posso comperare, no

e pių cammino pių consumo le mie scarpe e allargo il buco, oh

e allora vado in giro, in giro, in giro

anche se lo so che in tasca poca, poca, poca lira

e allora vado in giro, in giro, in giro

anche se lo so che in tasca poca, poca, poca lira

            vedo vetrine luccicanti con i saldi

            ed io che sono quasi sempre senza soldi

                        mi viene voglia, tanta, tanta, tanta voglia

                        di spaccare la vetrina e portar via la polacchina

                        mi viene voglia, tanta, tanta, tanta voglia

                        di provare lo stivale e come un fulmine scappare!

 

            saldi soldi saldi - spicciati che arrivi tardi!

            soldi saldi soldi - se non hai denti, lo sai che non mordi!